Lingua:

Ci trovate  sulla costa nord occidentale della Sardegna, siamo sull’incantevole  spiaggia di PORTO ALABE.

Pochi passi ci separano dal mare incontaminato e cristallino, con fondali di rara bellezza , suggestive falesie costiere e innumerevoli calette sabbiose che si fregiano ogni anno delle 5 vele della guida blu di legambiente .

Porto Alabe è nel comune di Tresnuraghes, luogo abitato sin dal neolitico antico dove poter ammirare nuraghi, domus de Janas, dolmen e tombe dei giganti.

Verso l’interno un altopiano basaltico ospita una ricca vegetazione di macchia mediterranea , uliveti e vigne che producono la famosa Malvasia locale.

A 5 km dalla cittadina di Bosa e a 50 dalla splendida Alghero ( aereoporto ).

Al contrario di altri luoghi “globalizzati” qui potrete vivere una vacanza relax a contatto con la natura e le tradizioni di questo angolo di Sardegna ancora poco conosciuto.

 

PERCHE FLUXUS?

Fluxus è un movimento artistico fondato da George Maciunas (1931-1978) che sorge agli inizi degli anni 60 negli Stati Uniti. Il termine latino significa flusso e sta ad indicare un fenomeno in continuo mutamento.

Artisti dall’espressività molto differente e dalla provenienza più disparata si sono trovati uniti nella meravigliosa utopia di un’arte libera e inarrestabile, un’arte che doveva bastare a sé stessa, senza compromessi.

Tra gli esponenti piu significativi di questa corrente  ricordiamo

Yoko Ono, Dick Higgins, Alison Knowles, and Nam June Paik, Allan Kaprow Al Hansen, Dick Higgins and Jackson Mac, Low Robert, Watts Topor, Ben Vautier, Takako Saito.

Negli anni 80 ho avuto, grazie al casuale incontro con l’editore e mecenate veronese Francesco Conz, “l’avventura” di collaborare con alcuni di questi artisti, realizzando per loro serigrafie a tiratura limitata. Alcune di queste opere sono esposte ed arredano la nostra struttura.

 

 

“A tuttoggi la mia passione per l’arte contemporanea continua, a dimostrarlo, il fatto che un’ala della nostra struttura è adibita permanentemente a galleria d’arte.”

Roberto.